L’Ultimo Cda di Moratti. Presentati Wallace, Taider e Rolando

wallace rolando taiderMassimo Moratti dichiara che questo non è stato il suo ultimo Cda e che la trattativa con l’indonesiano Thohir  potrebbe finire in qualsiasi modo, magari con una società dei due.

Moratti non dà per certa la cessione dell’Inter ed annuncia una possibile permanenza in società in un modo o nell’altro perché non vuole lasciare la sua Inter senza una protezione.

Per il presidente Moratti, l’Inter è come un figlio e da buon genitore non vuole altro che il meglio per lui.

Ieri, c’è stata la presentazione in conferenza stampa di Wallace, Taider e Rolando che hanno parlato ai microfoni dimostrando il loro entusiasmo e tanta fame di vittorie.

Taider dice che non sa se l’Inter farà paura, ma lui non ha paura di nessuno e la squadra scenderà in campo per dare il massimo tutte le partite. Taider ha sempre sognato di giocare in un grande club ed è felicissimo di essere arrivato nell’Inter. Per il giocatore qualsiasi ruolo a centrocampo non è un problema, la cosa importante è essere utile per la squadra.

Wallace, da parte sua, dice che spera in una stagione piena di successi e di contribuire a raggiungere grandi traguardi. Al paragone con Marcelo o Maicon, il giocatore risponde che i 2 sono dei grandi, ma lui si chiama Wallace ed oltre a voler diventare importante per l’Inter spera di arrivare in nazionale.

Rolando, invece, è molto felice che il mister Mazzarri l’abbia voluto riabbracciare e portare all’Inter.  Rolando è stato la passata stagione al Napoli  con l’attuale tecnico nerazzurro, ma non ha giocato molto. Il giocatore è fiducioso, nonostante il tecnico Mazzarri, l’anno passato non l’abbia fatto giocare molto, ma secondo Rolando, il mister l’ha fatto giocare quando lo vedeva pronto.

Il Milan Passa alla Fase a Gironi di Champions League

milan fase a gironiIeri sera si è giocata la partita, utile per andare alla fase a gironi della Champions League, tra Milan e Psv e ad avere la meglio sono stati i rossoneri che hanno vinto per 3 a 0.

L’andata, in Olanda, era finita 1-1, ma a Milano è sin da subito un’altra storia: al nono minuto Kevin Prince Boateng sblocca il risultato con una splendido tiro dai 20 metri, Abbiati compie una super parata su Wijanaldum, El Shaarawy gioca bene, colpisce la traversa, ma non riesce a segnare e al 55’ minuto ci pensa Balotelli a raddoppiare e al 78’ ancora Boateng a chiudere la pratica Psv col 3 a 0.

A quanto pare, mister Allegri, dopo Verona, è riuscito a fare una bella lavata di testa ai suoi ragazzotti e a fargli ricordare che sono giocatori del Milan e come tali devono giocare e cercare sempre di vincere ogni partita senza regalare niente.

Balotelli è stato molto felice di come ha giocato la squadra e ovviamente del risultato, in quanto il Milan ci teneva a riscattarsi dopo Verona. Alla domanda sul paragone con Ibrahimovic, Balotelli risponde che Ibra è Ibra e Mario è Mario, ma a parte i complimenti allo svedese, Balotelli cercherà di essere ancora più deciso di Ibrahimovic per il Milan.

Adesso non resta che cercare di vincere domenica prossima e non tornare punto e a capo.

Adem Ljajic è il Colpaccio della Roma

ljajic romaAdem Ljajic è ormai un ex giocatore della Fiorentina ed è un giallorosso. Infatti, la Roma è riuscita a raggiungere l’accordo con la Fiorentina per 10 milioni di euro più 2 di bonus ed ha offerto al giocatore un contratto da 2 milioni di euro a stagione.

La squadra di Garcia ha aggiunto questa nuova pedina battendo la concorrenza di squadra come il Milan e l’Atletico Madrid e Ljajic, già stasera sarà nella Capitale per fare le visite mediche.

Il giocatore ha preferito la Roma e nella serata di ieri ha salutato i tifosi della Fiorentina durante un’intervista ufficiale rilasciata alla tv ufficiale della società.

L’ultimo giorno del giocatore serbo a Firenze è stato diverso dal solito, infatti Ljajic non si è allenato e dopo aver incontrato la dirigenza della Fiorentina è rientrato in sede insieme all’ufficio stampa della squadra.

Intanto, vista la cessione di Ljajic, i Della Valle non lasciano a mani vuote Montella ed è già arrivato a Firenze l’attaccante croato Ante Rebic che sarà acquistato con i soldi della cessione dell’ormai attaccante giallorosso.

Il Napoli Prova a Trattenere Zuniga con una Super Offerta

zuniga napoliÈ da tempo che si parla di Zuniga e della sua possibile partenza da Napoli in quanto con il contratto in scadenza e un’offerta già pronta della Juve.

In pratica, se Zuniga non dovesse rinnovare, il Napoli lo perderebbe a parametro zero a vantaggio della Juve, ma il problema non è questo, in quanto il tecnico Benitez vorrebbe puntare molto sul giocatore e tenerlo a propria disposizione al 100% per il Napoli.

Per questo, il presidente De Laurentiis ha fatto un’importante offerta a Zuniga per cercare di tenerlo a Napoli con un contratto di 2 milioni e 200 mila euro, cioè ben il 40% in più di quanto gli offre la Juventus.

Inoltre, quando a De Laurentiis hanno chiesto di parlare di Zuniga, il presidente ha risposto che è stata fatta un’offerta importante al giocatore, ma ormai sta a lui decidere. La cosa è che Zuniga è ben risposto ai tifosi del San Paolo, continua De Laurentiis, e per questo se dovesse andare via sarebbe un vero e proprio tradimento.

Ormai si attende la fine della telenovela in un senso o nell’altro.

Mercato Juve: Nainggolan per il Futuro e il Sogno Nani per il Presente

nainggolanIl nome di Nainggolan torna a girare a Torino, sulla sponda bianconera. La Juve vorrebbe opzionare il giocatore non per la stagione appena iniziata, ma per quella successiva e per questo Marotta ha offerto al Cagliari i prestiti gratuiti di Beltrame e Marrone con diritto di riscatto.

 Nainggolan col tempo andrebbe a prendere il posto di Marchisio, ma intanto Marotta pensa anche al presente e a poco più di una settimana dalla chiusura del calcio mercato cerca un possibile sostituto di Isla, nel caso in cui il giocatore dovesse lasciare i colori bianconeri.

Intanto, un ottimo acquisto sulla fascia arriva dall’infermeria e si chiama Pepe. Infatti, il giocatore  dopo tanto penare ha finalmente giocato 90 minuti contro lo Spezia primavera ed ha dimostrato di essere ormai pronto a tornare utile ad Antonio Conte.

Nel frattempo si tiene sempre sotto stretto controllo la situazione Napoli-Zuniga, in quanto il rinnovo non sembra facile e nel caso in cui non si trovasse l’intesa, De Laurentiis, molto probabilmente, manderà il giocatore in scadenza offrendolo alla Juve a costo 0.

La Juve sogna e Marotta cerca di soddisfare l’allenatore della sua squadra che ha il pallino di Nani del Manchester United. Infatti, sembra che la Juve abbia già sondato il terreno per Nani con un’offerta di 13 milioni di euro.

Nani non sembra trovare più molto spazio nel Manchester United, in quanto Valencia è il preferito di Moyes ed inoltre c’è la concorrenza con altri due giocatori.

Per questo il giocatore potrebbe finire sul mercato all’ultimo secondo o la Juve potrebbe riuscire a convincere il Manchester e il giocatore a farlo arrivare alla corte di Antonio Conte a Torino, anche perché il contratto di Nani scadrà a fine stagione.

Per il momento le piste più semplici e realistiche sono quelle di Biabiany del Parma o di Marquinho della Roma, che per il giallorosso ha proposto uno scambio di prestiti gratuiti: Marquinho per Matri. Ma questa soluzione non convince molto la Juve che preferirebbe far cassa con la cessione del giocatore.

Oltre Matri, la Juve vorrebbe vendere anche Quagliarella, sul quale ci sono West Ham, Sunderland, Shalke e anche la Roma.

Offerte per monetizzare sono arrivate per Mirko Vucinic, ma Antonio Conte non ha nessuna intenzione di privarsi del montenegrino e per questo il Wolfsburg si è preso una bella porta in faccia.

Inter-Genoa 2 a 0 per il Debutto di Mazzarri in Nerazzurro

inter-genoa 2a0Mazzarri debutta nella prima partita di serie A con l’Inter ed è subito buona la prima, infatti, l’Inter batte il Genoa 2 a 0.

C’è il debutto anche per Liverani, ma con il Genoa, invece, Stankovic saluta i tifosi interisti, in quanto la sua storia con l’Inter si chiude qui.

Inoltre, questa potrebbe essere l’ultima partita di Massimo Moratti come proprietario unico dell’Inter.

Insomma, Inter-Genoa è una partita segno di tanti cambiamenti ed entrambe le squadre si aspettano di iniziare bene e cancellare i risultati negativi della stagione passata, ma il risultato ha poi dato ragione ad una sola squadra.

Mazarri non è famoso per grandi proclami, ma è un gran lavoratore e l’unica cosa che deve fare è rispettare quanto detto nella presentazione all’Inter e cioè di far tornare l’Inter padrona di casa propria.

Fin ora, le partite in casa dell’Inter si sono ridotte a quella col Cittadella, ma ora la sfida col Genoa è più difficile.

Mazzarri non ha mai perso la prima partita di Serie A e l’Inter non perde con il Genoa da ben 20 anni. Ad ogni modo, l’allenatore dell’Inter dovrebbe iniziare il nuovo ciclo con ben 10 undicesimi degli ex uomini si Stramaccioni più l’innesto di Campagnaro.

Il Genoa fa il suo esordio con Liverani in panchina, ma non come giocatore. Infatti, il nuovo tecnico del Genoa è l’ancora inesperto Fabio Liverani che è la scommessa di Preziosi.

Liverani non è partito bene in Coppa Italia, ma ora si presenta alla prima di campionato con un Genoa rinforzato dalla regia di Lodi e dal bomber Gilardino che, l’anno passato, al Bologna ha segnato più gol degli uomini dell’Inter.

Con il Genoa, l’uomo del futuro,  Kovacic,  è partito dalla panchina ed al suo posto ha giocato Kuzmanovic e l’uomo del passato, Stankovic, invece ha salutato i tifosi e dato l’addio all’Inter.

Inoltre, questa partita potrebbe essere l’ultima di Massimo Moratti come presidente e proprietario unico dell’Inter, infatti, l’indonesiano Thohir, già dalla settimana prossima, potrebbe arrivare ad affiancare l’attuale presidente nerazzurro o addirittura a prenderne il posto.

Nel frattempo, nonostante il tecnico nerazzurro, Waltre Mazzarri cerchi di evitare il tema Eto’o, si vede per le vie di Milano proprio il camerunense Samuel Eto’o e le voci sul trasferimento impazzano.

Eto’o ha ancora a Milano la moglie e i suoi 4 figli, quindi potrebbe essere una normale visita, ma il dubbio che questa non sia solo una visita per motivi affettivi, infatti, Ausilio ha detto che nella vita non bisogna mai dire mai, ma è normale vedere Eto’o a Milano.

Psv-Milan Finisce in Pareggio, ma Peccato non Averla Chiusa

champions psv-milanLa partita di andata nei preliminari di Champions League fra Psv e Milan è terminata in pareggio e il tecnico del Milan, Allegri, ne sembra soddisfatto, anche se con qualche rammarico.

Mister Allegri dice che è stata una partita difficile a causa dell’evidente differenza di condizione fisica, ma poi il Milan piano piano ha riuscito a macinare un buon calcio e a passare in vantaggio. L’unica cosa è che si poteva raddoppiare, ma nel momento migliore del Milan, è stato il Psv a trovare il pareggio.

Per il mister del Milan, questo è un peccato in quanto si poteva mettere una seria ipoteca sulla qualificazione, ma è comunque soddisfatto della prestazione dei suoi giocatori. Ora, bisogna pensare solo a cominciare bene il campionato.

Il tecnico, Allegri, continua parlando di Balotelli ed El Shaarawy. Balotelli ha giocato bene e si è dato molto da fare nella partita col Psv, ma deva imparare a controllarsi, a non prendersela con gli arbitri, in modo da evitare cartellini stupidi e quindi squalifiche che possono diventare pesanti e fare male al Milan. Per quanto riguarda El Sharaawy, invece, ha fatto una gran bella partita ed uno stupendo gol.

Allegri conclude dicendo che per essere la prima partita ufficiale la squadra non ha fatto male.

Stefan El Shaarawy, invece, si può godere il ritorno al gol dopo molto e dichiara che dopo il  suo gol, il Milan ha avuto almeno altre 3 occasioni nitide per cercare di raddoppiare il vantaggio e quindi c’è un po’ di rammarico per non essere riusciti a chiudere prima la partita. Da un punto di vista più personale, invece, El Sharaawy è molto soddisfatto sia per il ritorno al gol e sia perché questo è il primo gol di testa dell’attaccante.

Anche il capitano del Milan, Montolivo, ha qualche piccolo rimpianto per la partita contro il Psv e dichiara che nonostante la condizione fisica superiore da parte degli avversari, bisogna avere molto più cinismo ed imparare a chiudere le partite. Ad ogni modo, Montolivo crede nel Milan, nel tecnico e nella rosa e sa che si può fare meglio dell’anno passato, soprattutto con l’aiuto di Super Mario.

Il giorno dopo la partita contro il Psv, proprio Mario Balotelli ha lasciato un commento sul proprio profilo Twitter per comunicare ai suoi followers il suo pensiero. Il tweet di Mario è stato completamente in inglese e, in sostanza, diceva di essere molto arrabbiato per la partita, ma che c’è ancora il ritorno contro il Psv e quindi sempre Forza Milan.

Open Day Roma: 25.000 Tifosi Presenti

open day romaSe si pensa che l’anno scorso, di questi tempi, nel giorno dell’Open Day della Roma veniva presentato il tecnico Zeman e che la stagione è stata un gran flop, concluso con la sconfitta nella finale di Coppa Italia contro la Lazio, nessuno pensava che quest’anno si presentassero così tanti tifosi.

Infatti, incredibilmente, nell’Open Day di quest’anno i tifosi sono stati ben 25.000. dopo soli 45 minuti dall’inizio della presentazione la Curva Sud era stracolma e si è dovuta aprire la Tribuna Tevere.

Durante la presentazione, i tifosi romanisti danno grande spettacolo di devozione per la maglia, protestano contro il nuovo stemma e visto che il mercato ha già portato via Marquinhos e Osvaldo, si sono visti molti striscioni e uditi cori contro la cessione di Erik Lamela. Infatti, uno degli striscioni esposti recitava così: giù le mani da Lamela.

Ma nonostante tutto ciò l’aria che si respirava era fantastica e l’entusiasmo intorno alla squadra davvero tanto.

I tifosi romanisti sono carnali e nel bene o nel male non si trattengono. Infatti, non mancano nemmeno i fischi durante la presentazione,  regalati soprattutto all’ingresso dello staff tecnico all’ex tecnico Andreazzoli, colpevole di aver perso la finale di Coppa Italia con la Lazio.

Dopo l’ingresso di tutto lo staff tecnico è il turno dei giocatori e tra i più applauditi ci sono i nuovi acquisti: Maicon, De Sanctis e Strootman che purtroppo è infortunato e salterà già la prima partita di campionato.

Anche all’ingresso di Lamela c’è stata una grande ovazione, anche, per cercare di far capire alla società di non cederlo e, ovviamente, il boato maggiore si è avuto all’ingresso dell’unico grande capitano della Roma: Francesco Totti.

Dopo i giocatori, infine, entra in campo il nuovo tecnico della Roma, Garcia, che parla e promette ai tifosi di fare il massimo perché loro meritano il massimo, ma ormai i tifosi della Roma non vogliono più promesse, ma solo fatti.

La sorpresa dell’Open Day della Roma, è stata una brutta sorpresa perché proprio mentre la squadra iniziava l’allenamento è volato sullo stadio Olimpico un aereo con una scritta: 26/05/2013, la verità reale è che v’ameno fatto male.

Questo aereo è stato la risposta laziale allo sfottò da parte dei romanisti, prima della partita di Supercoppa, fatto con un altro aereo: V’avemo alzato in faccia il nome immortale, As Roma.

A Roma, ormai sembra facile mandare messaggi nel cielo e, infatti, dopo la partita di Supercoppa tra Juve e Lazio si era visto un altro aereo con scritto: disinfettate trigoria. Cioè il posto dove la Juve ha sostenuto il proprio allenamento.

Alessandro Matri Rimane il Primo Obiettivo di Mercato

matriRafa Benitez ha chiesto una valida alternativa in attacco per completare e migliorare il reparto offensivo del Napoli e il suo obiettivo dichiarato è Alessando Matri della Juventus.

De Laurentis, allora, sta facendo di tutto per accontentare il tecnico e sta cercando in tutti i modi di far convincere l’attaccante juventino a trasferirsi ed indossare la maglia azzurra del Napoli.

Per ora, l’unica cosa certa sul futuro di Matri è che lascerà Torino, sia perché ha poco spazio e sia perché la Juve vuole sfoltire il reparto di attacco. In Supercoppa, se ce ne fosse stato ancora bisogno, Matri ha avuto la conferma di non essere molto considerato e di essere addirittura l’ultima scelta per l’attacco.

Ad ogni modo, anche la Roma, dopo la cessione di Osvaldo al Southempton, sembra essere molto interessata a Matri e quindi si profila una dura lotta fra Napoli e Roma per accaparrarsi il giocatore.

Il Ds del Napoli Riccardo Bigon, comunque, tiene d’occhio l’evolversi della situazione e spera di riuscire a portare l’attaccante a Napoli. L’offerta fatta alla Juve di 12 milioni di euro è vantaggiosissima per i bianconeri, anche se non è stato inserito Zuniga nella trattativa perché il Napoli lo continua a considerare una pedina fondamentale nel gioco della squadra ed incedibile.

Oltre al rinforzo Matri, il Napoli pensa anche a rinforzi futuri per la rosa e a Duvan Zapata. Infatti, questo affare è possibile a prescindere dall’acquisto o meno di Matri e le trattative con l’Estudiantes sembrano ben avviate e qualora l’affare dovesse andare in porto, il Napoli rigirerebbe subito il giocatore in prestito al Livorno.

Il Napoli, inoltre, ha anche provato l’acquisto di Davide Astori del Cagliari, ma la trattativa non ha avuto esito positivo. De Laurentis e Cellino non hanno trovato l’accordo economico in quanto il Cagliari avrebbe richiesto ben 15 milioni di euro per la cessione.

Questa trattativa non conclusa, allora, ha portato il Napoli a bloccare la partenza di Federico Fernandez e di tenerlo ancora in casa, mentre, Alessandro Gamberini è stato, comunque, ceduto in prestito al Genoa.

Milan al 70% del potenziale contro il Psv

Milan PsvLa giusta lettura per la partita contro il Psv Eindoven è stata data dal capitano del Milan, Montolivo, il quale ha detto che  nella fase estiva non conta chi ha più qualità o chi è più forte, ma conta molto di più la condizione fisica e quindi la partita contro il Psv non sarà per niente facile. Infatti, proprio la preoccupazione per la preparazione atletica, ha portato Allegri e lo staff del Milan a fare un lavoro del tutto nuovo rispetto alle stagioni passate in modo da cercare di arrivare ben preparati alla sfida di martedì e per l’inizio del campionato. Bisogna tenere presente che la sfida col Psv non sarà facile, anche perché gli olandesi si trovano già a dover affrontare la terza partita del proprio campionato e sono evidentemente meglio preparati.

Dopo il primo mese di lavoro, vi sono stati recuperi di giocatori come De Jong, ma vi sono stati anche tantissimi altri infortuni, addirittura di grande entità che hanno via via decimato la rosa del Milan. L’ultimo infortunio è quello di super Mario Balotelli, che lasciata la nazionale è tornato in infermeria, anche se non sembra grave e si spera di riuscire a recuperarlo proprio per la prima sfida europea col Psv Eindoven. Ad ogni modo, la preparazione atletica del Milan sta procedendo come da programma e si pensa che si sia arrivati intorno al 70% della condizione massima. Infatti, come si può notare dagli allenamenti e dalle amichevoli, i giocatori del Milan stanno andando bene e non sembrano accusare perdite di brillantezza, anche se non tutti i giocatori sono allo stesso livello.

Infatti, molti giocatori del Milan sono in ritardo di condizione, anche, perché alcuni sono stati vittime di infortuni. De Sciglio, Abate, Mexes e Robinho; Boateng con problemi al ginocchio che ogni tanto gli dà fastidio e Muntari che ha dovuto fare molti allenamenti a parte durante il Ramadan. Ad ogni modo, questi giocatori stanno lavorando duro per cercare di recuperare la condizione migliore. Detto questo, ci sono anche giocatori in grande spolvero, ma nella partita contro il Psv, oltre alle gambe, conterà comunque la giocata di qualche singolo.